اللاز

luglio 9, 2010

A. Wattar, Al-làz, al-Mu’assasa al-wataniyya lil-kitàb, al-Giazò’ir 1974

In questi giorni sto rileggendo alcuni romanzi degli anni Settanta, in vista di un intervento che terrò al WOCMES (per questo sono un po’ silenziosa sul blog). Uno di questi è L’Asso, di Wattar. Come per Il terremoto anche qui lo scrittore si occupa di politica, in particolare nella sua analisi delle divergenze interne all’FLN e delle conseguenze che esse potranno avere (wattar ha cominciato la stesura nell 1958) sull’ideale rivoluzionario.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Il terremoto

febbraio 26, 2010

at-Tahar Wattar, Il terremoto, trad. di J. Guardi, blurb, U.S.A. 2010

1. Bàb al-Qantara

– Gli odori di Costantina ti accolgono, ti accompagnano, ti inseguono, ti prendono alla gola; li si riconosce ancor prima di aver fatto due passi, ti danno i nervi e ti rallegrano il cuore.
Šayh Bū al-Arwāh, aprendo la portiera dalla macchina, esprimeva a voce alta la sua prima impressione. Aveva girato a lungo e aveva faticato a trovare un parcheggio sul piccolo spiazzo di fronte al ponte di Bāb al-Qantara.
Trasse un profondo sospiro, scrollò gli abiti e guardò con calma l’orologio, per esprimere dopo un po’ una considerazione:
– Meno un quarto… Nove ore da Algeri a qui. Una buona media con questo caldo. A Costantina, come alla ka‘ba, arrivare di venerdì porta bene.
Leggi il seguito di questo post »