Non ho peccato abbastanza

gennaio 10, 2010

Non ho peccato abbastanza. Antologia di poetesse arabe contemporanee, a cura di V. Colombo, Mondadori, Milano 2007

Ne La rivoluzione del linguaggio poetico, Julia Kristeva afferma che la poesia, nel momento in cui rompe con i codici linguistici di una società, è portatrice di un elemento rivoluzionario. L’antologia di poetesse arabe Non ho peccato abbastanza dimostra quanto quest’affermazione sia fondata non solamente per il contenuto dei testi presentati, ma anche e soprattutto per il ritmo fonico e semantico di queste poesie, che produce un effetto estraneo alle abitudini della lingua, rimandando alla memoria di tutti i suoni possibili. Anche lette in traduzione. Ci appare così innegabile la scelta delle poetesse arabe contemporanee di staccarsi dalla forma poetica tradizionale in quanto rappresentante della società patriarcale e non rappresentativa del femminile. Scelta forte che testimonia del percorso intrapreso dalle pioniere della poesia libera ma che anche lo supera e, superandolo, fa sì che questa poesia sia veramente universale e rimandi, come dicevamo, a tutti i suoni possibili e, aggiungiamo, in tutte le lingue possibili. Non è un caso quindi che apra la raccolta il testo di Jumana Haddad, Il ritorno di Lilith. Lilith, presente già nella mitologia sumera, è la prima “Eva”, colei che, per non aver ceduto in nulla al principio di eguaglianza, sarà trasformata dal maschio dominatore in un essere terrificante, venuto sulla terra per strangolare, ghermire, sedurre, avvelenare, assassinare, senza che l’uomo la comprenda. Lilith, mito che ha percorso tutte le culture fino a tempi recenti (basti pensare a Lulu di Wedekind), simboleggia la prova necessaria della separazione che ciascuno deve affrontare per vivere, pena la propria aridità. Haddad ne è pienamente consapevole quando afferma:

Leggi il seguito di questo post »