Maometto on the road

dicembre 20, 2010

M. M. Knight, Maometto on the Road. Viaggio al termine dell’Islam, Castelvecchi,  Roma 2010.

Niente male questo libro. Un linguaggio chiaro e diretto per narrare dell’islam contemporaneo al di fuori dei soliti discorsi che facciamo un po’ tutti, considerandolo in qualche modo sempre uguale a se stesso. Favole.

Leggi il seguito di questo post »

Sordomuti

novembre 2, 2010

A. Chaouech, Sordomuti. L’invenzione del terrorismo come strumento di dialogo, Mimesis, Milano-Udine 2010

Sordomuti indaga ancora una volta il complesso rapporto fra Islàm e occidente per verificare se, come si sostiene da più parti – afferma l’autore nell’Introduzione – è vero che essi non abbiano mai dialogato e in particolare cerca di evidenziare quegli elementi che, nelle società arabe, fanno pensare a un processo di “individualizzazione” in corso che sposti l’attenzione dei cittadini dei paesi arabi dalla fedeltà al clan a quella alle istituzioni e allo Stato. Processo che l’autore, tunisino, vede in via di sviluppo.

Leggi il seguito di questo post »

Le fidanzate di Allah

ottobre 22, 2010

J. Juzik, Le fidanzate di Allah. Volti e destini delle kamikaze cecene, manifestolibri, Roma 2004

Un post su 30secondi mi ha fatto ricordare questo libro. Che merita di essere recensito.

Innanzitutto perché ci ricorda che il genere è una categoria di analisi storica, anche se quasi tutti coloro che si occupano di islam, islamismi e via dicendo fanno costantemente finta che le donne non esistano. E in secondo luogo – conseguenza del primo – perché Le fidanzate di Allah cerca di andare al di là della spiegazione “violenza insita nella religione musulmana” che, francamente, mi ha stufato.

Leggi il seguito di questo post »

Il terrorismo suicida

ottobre 14, 2010

T. Asad, Il terrorismo suicida. Una chiave per comprenderne le ragioni, Raffaello Cortina Editore, Milano 2009

In occasione di una sessione di laurea, mi è capitato di sentire una laureanda discutere una tesi sul martirio nell’Islàm e sostenere – tesi a mio parere totalmente errata – che i musulmani sarebbero, per non si capisce bene quale motivo, “più portati al martirio e al suicidio” degli appartenenti ad altre religioni e culture. Come se la tendenza al suicidio e, di conseguenza, alla morte, fosse consustanziale all’essere musulmani.

Leggi il seguito di questo post »

Maometto

settembre 23, 2010

H. Bobzin, Maometto, Einaudi, Torino 2002

Tra le tante letture sulla vita del Profeta, anche questa ci può stare.

Della collana di cui ho parlato qualche giorno fa, maneggevole e chiara, il volume si apre con un capitolo dal titolo “Da “pseudoprofeta” a eroe: immagini di Maometto in occidente” nel quale l’autore presenta i modi in cui Muhammad è stato visto da diversi studiosi e correnti di pensiero occidentali e variamente denominato: pseudoprofeta, eretico, impostore, epilettico, dio tra gli dei, anticristo, legislatore, eroe – e già questa elencazione è abbastanza interessante.

Leggi il seguito di questo post »