Krimaturium

agosto 13, 2011

ًًًًًًًًًًًًًًُW. Laredj, Krimaturium. Sunata li-ašbah l-Quds, Al-fadà’ al-hurr, al-Giazà’ir 2009

Due cose mi stupiscono sempre in relazione a Waciny: la prima, la sua capacità di scrivere quasi un libro l’anno e tutti molto corposi e intensi, spesso con alla base una ricerca storica e numerosi riferimenti a culture diverse e ad aspetti diversi all’interno di esse; la seconda è che, nonostante tutto questo, che già di per sé potrebbe essere motivo di interesse, da noi non “piaccia” (l’ho già detto qui).

Krimatorium (piccola  nota: ovviamente l’edizione in mio possesso, che ho acquistato ad Algeri, ha una copertina diversa da quella che qui riporto e che credo sia la prima; interessante notare il fatto che la parola Krimatorium, nell’edizione in mio possesso scritta a caratteri cubitali, qui non compare, o almeno io non la vedo) è un romanzo costruito come una sonata, come appunto ci ricorda il sottotitolo, che segue il percorso di May, un’artista legata al mondo della musica classica. La protagonista, lasciata Gerusalemme nel ’48 in modo tragico, all’estero ha intrapreso la carriera e, verso la fine della sua vita, dopo cinquant’anni di assenza, pensa se tornarvi almeno una volta…

La partitura musicale di cui è intessuto il romanzo viene abilmente eseguita da Yuba, un virtuoso di pianoforte che raccoglie i ricordi di May e se ne fa narratore, e costituisce il contrappunto ai ricordi di May e ai “documenti” di vario tipo che Laredj inserisce all’interno del romanzo per ricordare la questione Palestinese, oltre a un ulteriore percorso possibile, quello di una serie di quadri presenti nei musei di tutto il mondo  e che vengono citati all’interno del testo.

Ricordare sì, poiché se May ricorda, il romanzo costringe il lettore a ricordare la Palestina a non dimenticare il popolo palestinese e lo fa attraverso un testo estremamente equilibrato e triste e, forse proprio per questo, per non usare toni eccessivi, ancor più toccante.

Ricordare serenamente superando la paura, solo così il senso della parola ricordo significa perpetuare un’idea, un popolo, una causa e fornirgli consistenza:

“Non so fino a che punto i miei stancanti ricordi mi aiuteranno, ma finora non mi hanno tradito e non mi hanno ingannato come erano soliti fare nei momenti di paura” (p. 147).

Diario d’Algeria

novembre 9, 2010

V. Sereni, Diario d’Algeria, Einaudi, Torino 1998

Donatella Bisutti, poeta e animatrice con Jalal elHakmawi della rivista di prosa poesia Electron Libre, ha utilizzato Sereni e la sua esperienza in Algeria per il titolo del suo libro La poesia salva la vita, proprio perché è  attraverso l’esperienza poetica vissuta in Algeria che Sereni ha potuto superare gli anni di prigione trascorsi nel paese.

Leggi il seguito di questo post »

La paura preferita

novembre 8, 2010

L. Scarlini, La paura preferita. Islam: fascino e minaccia nella cultura italiana, Bruno Mondadori, Milano 2005.

Questo libro di piccole dimensioni merita di essere letto perché affronta il rapporto tra Oriente e Occidente da un punto di vista inusuale: quello della musica lirica. Mi limito a segnalare quanto riguarda Algeri e l’Algeria, lasciando, a chi lo volesse, gli altri percorsi.

Leggi il seguito di questo post »

Nisyan com

novembre 1, 2010

A. Mostaghanmi, Nisyàn com, Dàr al-adàb, Bayrut 2009, libro + cd

Alcuni anni fa, Libuse Monikova, trattando della letteratura di donne, lamentava che essa avrebbe dovuto uscire dal ghetto dell’autocommiserazione, “la fossa accogliente dela nostra sventura”, per trovare nuove prospettive propositive. Mi sembra ormai che la letteratura araba scritta da donne abbia raggiunto questo obbiettivo e che sempre più si allontani dalla denuncia e dall’autocommiserazione per essere propositiva e, agigungerei in questo caso, attiva. Le intellettuali arabe si discostano dalla produzione letteraria fine a se stessa e danno vita a iniziative che in qualche modo vogliono incidere nella società. Nisyan com rienta fra queste.

Con Nisiyan com siamo alla creazione di un nuovo canone letterario, poiché la letteratura araba è ormai intesa nella società di oggi come verità e come resistenza al campo del potere sia in senso specifico che femminista; la letteratura, quindi, diventa azione (e al testo corrisponde un sito infatti: www.nessyane.com). Ha poco senso orami parlare di letteratura araba e sento ormai come irrinunciabile uscire da quella sorta di “etnograifa letteraria” che relega lo studio delle letterature altre (intese qui come non occidentali) a un aspetto etnografico; da questo libro in poi mi occupo di letteratura tout court.

Nella struttura il testo rompe con le definizioni classiche del genere letterario romanzo. Una storia c’è, ma è solo e semplicemente un pretesto per utilizzare tutte le forme proprie della scrittura accompagnate da riferimenti alla cultura classica e contemporanea, orientali e occidentali. Nisyian è un libro terapeutico, uno strumento per imparare a dimenticare, un esercizio per l’oblio, dove anche la musica – appositamente composta testi e parole a questo scopo – ha una precisa funzione.

Mostaghanmi sfida il canone letterario dominante, le sue norme e i modi stabili della scrittura poetica del suo tempo. Il nuovo canone, se di canone si deve parlare, incalza il lettore e lo porta a chiedersi cosa significhi essere oggi uno scrittore. Una scrittura che sorge da un’urgenza e che ci ricorda che nella società contemporanea è l’antiautore, lo scrittore impegnato e non integrato nel campo letterario del potere, quello che dice la verità e non più il saggio.

La memoria del corpo

luglio 19, 2010

A. Mostaghanemi, La memoria del corpo, trad. di F. Leggio, Jouvence, Roma 1999

Il corpo ha una memoria. Nelle cartilagini, in quei piccoli segni o rughe che compaiono dopo un evento che non possiamo dimenticare, tracce di esperienze che sfumano nel ricordo  ma che portiamo sempre con noi.

Leggi il seguito di questo post »