L’errore fatale di ‘Abdallah l’orfano[1]

L’inferno… sono gli altri
J.P. Sartre

Con un difetto di pronuncia il giudice disse: “Il denominato ‘Abd Allah l’orfano è accusciato di aver commesscio un peccato contЯo i valoЯi, la religione e l’avveniЯe della nascione. Uno sciandalo che nescescita di inteЯesse parЯticolare e che Dio non può peЯdonaЯe. E poi: “La condotta degli avi è divenuta esempio da sceguire per gli altri. La shtoЯia è che…”

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Ma hadhata li ghadan

febbraio 10, 2010

S. Boutadjine, Ma hadata li ghadan (Qisas), Manšuràt al-ihtilàf, al-Giazà’ir 2002

Ma yahduthu lil-mutarjima ams o del tradurre Said Boutadjine

È possibile che di un testo letterario esistano più traduzioni, infinite traduzioni possibاili, come lo sono i punti di una circonferenza, uniti con un unico centro da migliaia di raggi, centro che è il testo nella lingua originale. Ciò significa che ogni traduzione conserva un legame con l’originale, ogni traduzione conduce all’originale, ogni traduzione è anche una lettura del testo originale come afferma Jorge Louis Borges riferendosi alla sfera “il cui centro è dappertutto e la cui circonferenza non è da nessuna parte”.

Leggi il seguito di questo post »