Consigli di lettura

luglio 22, 2010

Il blog va in vacanza. A caccia di libri, naturalmente.

Ma, per non lasciarvi senza nulla da fare, consiglio un paio di letture.

Il primo è di Abdelwahab Meddeb e si intitola Contro-prediche. Tra Europa e Islam, Cantagalli, Siena 2009

Il secondo è نسيان كوم di أحلام مستغانمي edito da دار الآداب

Buona lettura.

D. Rubin, ed., The World Encyclopedia of Contemporary Theatre, Volume 4, The Arab World, Routledge, London and New York 1999

Nata da un progetto che vede la collaborazione di The International Theatre Institute, The International Federation for Theatre Research, The International Association of Theatre Critics, The International Society of Libraries and Museums for the Performing Arts e il supporto dell’UNESCO, l’Enciclopedia del Teatro Contemporaneo tratta delle “nazioni e dei loro teatri” a partire dal 1945, individuato com emomento di cambiamenti politici, sociali e culturali.

Leggi il seguito di questo post »

R. Hillauer, Encyclopedia of Arab Women Filmmakers, The American University in Cairo Press, Cairo New York 2005

Un altro bel volume di circa 500 pagine che ci introduce nel mondo del cinema arabo fatto dalle donne. Sorprendente, come l’autrice stessa scrive nella prefazione, per ricchezza. Un volume che, afferma Hillauer, è cresciuto col procedere della ricerca ben oltre le aspettative.

Leggi il seguito di questo post »

La memoria del corpo

luglio 19, 2010

A. Mostaghanemi, La memoria del corpo, trad. di F. Leggio, Jouvence, Roma 1999

Il corpo ha una memoria. Nelle cartilagini, in quei piccoli segni o rughe che compaiono dopo un evento che non possiamo dimenticare, tracce di esperienze che sfumano nel ricordo  ma che portiamo sempre con noi.

Leggi il seguito di questo post »

R. Ashour-F. J. Ghazoul-H. Reda Mekdashi, eds., Arab Women Writers. A Critical Reference Guide 1873-1999, The American University in Cairo Press, Cairo New York 2008

Un’opera piuttosto completa che raccoglie le opere pubblicate in oltre un secolo di scrittura di donne e che, poiché scritta originariamente in lingua araba, né tralascia coloro che scrivono in lingua araba in paesi generalmente poco considerati come Nord Africa, Yemen e Golfo, né si concentra solo su alcune autrici, quelle note in Occidente.

Leggi il seguito di questo post »