Introduzione allo studio della storia contemporanea del Mondo arabo

dicembre 22, 2010

A. Pillitteri, Introduzione allo studio della storia contemporanea del Mondo arabo, Laterza, Bari 2010.

Prendendo in mano il volume in libreria e scorrendo l’indice per vedere se valeva la pena comprarlo abbiamo avuto una piacevole sorpresa. Una volta tanto un libro che riporta l’espressione “storia del mondo arabo” nel titolo si presentava impostato in maniera diversa.

Cioè a dire finalmente un testo che si occupa di concetti e di metodo. Giustamente un’introduzione allo studio della storia del mondo arabo che rende edotto il lettore su quali siano i nodi centrali di cui si dovrebbe occupare chi di mondo arabo si vuole interessare dal punto di vista storico, quale sia lo stato della ricerca e, soprattutto, un capitolo dal titolo “Centri di documentazione e di ricerca. Storici al lavoro” che presenta – a nostra conoscenza per la prima volta in lingua italiana – quale sia lo stato della ricerca storica nei paesi arabi.

Si tratta ci pare finalmente di un riconoscimento al lavoro degli studiosi arabi da sempre lasciati in disparte negli studi occidentali. In particolare ci è piaciuta – e non poteva essere altrimenti dati i nostri interessi – l’attenzione alla storia del Maghrib e al lavoro degli storici nordafricani e con un certo piacere abbiamo letto del lavoro di Abu lQasim Sa’ad Allah (p. 180-188), che consideriamo un grande studioso e intellettuale, ricordando che quando a suo tempo lo abbiamo citato in un articolo, ci era stato suggerito di “eliminarlo” perché “chi è questo qui?”. Altrettanto interessante lo spazio dedicato alla Libia e al metodo di lavoro e di insegnamento di Aqil Muhammad alBarbar (pp. 128-133) dove, tra gli altri, viene citato anche alMusrati, altro personaggio del quale a nostro parere non si può non tenere conto.

Il testo si occupa anche d’altro ovviamente e non dimentica il contributo degli studiosi occidentali, ma certamente la sua peculiarità è questa. Si potrà poi condividere o meno – e l’autore ha del resto un approccio critico – il metodo di lavoro di questi storici o le conclusioni cui arrivano, com’è il caso a nostro modo di vedere di al-Uthaymin e della sua storia dell’Arabia Saudita uscita in italiano qualche anno fa, resta il fatto che prima di criticare bisogna conoscere.

Una volta tanto aprendo un libro sulla “storia” del mondo arabo non capita di leggere le solite cose.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...